sabato 22 Gennaio 2022

8 modi per ridurre i giorni di malattia non pianificati

Un’epidemia di giorni di malattia non pianificati può devastare qualsiasi organizzazione. La pianificazione esce dalla finestra. I livelli di servizio scendono. E quelli che stanno ancora lavorando sentono il dolore di essere a corto di personale.

Ma la semplice verità è che i dipendenti si ammaleranno, e se c’è una cosa che è stata chiarita in modo critico durante la pandemia, è che non vogliamo che le persone entrino al lavoro malate e diffondano malattie.

In qualità di leader, è tuo compito trarre il meglio da questo fatto di fare affari. Ma non devi accontentarti di chiamate fuori controllo con questi suggerimenti per ridurre l’assenteismo

1. Crea una politica flessibile per richiedere il tempo libero

Vuoi avere più preavviso possibile quando qualcuno uscirà. Ma se la tua politica è troppo severa, i dipendenti possono usare la malattia per ottenere un giorno libero quando ne hanno bisogno per divertimento, un appuntamento inaspettato alla scuola dei loro figli o persino una visita medica di routine. Trova l’equilibrio per vedere il tuo assenteismo scendere.

2. Ricompensa la qualità, non le ore lavorate

Evita di premiare le persone che lavorano per lunghe ore con le tue parole, azioni o stile di gestione. Le persone che lavorano a lungo possono sembrare più produttive. Ma molti studi hanno dimostrato che le persone che fanno gli straordinari in realtà ottengono meno risultati.

Per esempio:

Lavorare 10 ore, 5 giorni alla settimana ha comportato una perdita di produttività del 7%. Se la stessa persona lavorava 12 ore, 5 giorni, perdeva il 12% di produttività. E così via.

A volte la perdita di produttività si presenta sotto forma di presenzialismo, in cui le persone esauste si estinguono. Altre volte, si traduce in assenteismo, in cui le persone lavorano da sole.

Invece, concentrati su ciò che conta: la qualità del lavoro svolto.

3. Programmazione flessibile dell’istituto

Se un dipendente può svolgere un ruolo lavorativo in un momento diverso della giornata, perché non farlo accadere? Rimuovi l’attenzione sul fatto che qualcuno arrivi in ​​orario o quando lavora.

4. Rendi il lavoro da casa un’opzione a volte

Durante la pandemia, molti dipendenti si sono resi conto che più dipendenti potevano lavorare da un ufficio a casa. Ma molti datori di lavoro sanno che è importante avere dipendenti in ufficio per la maggior parte del tempo.

Se il loro lavoro può essere svolto da casa, designa un giorno alla settimana o al mese in cui un dipendente può scegliere di lavorare da casa. Rendi questo giorno flessibile in modo che possano prenderlo quando ne hanno bisogno.

5. Sostieni la salute mentale

Quando la salute mentale di una persona inizia a soffrire, il sistema immunitario ne risente. Ne conseguono spesso cali di salute fisica. Quindi incoraggia i dipendenti a utilizzare parte del loro PTO pianificato per fare una gita di un giorno, andare in una spa o fare altre attività puramente per la salute mentale.

Fornisci ai tuoi dipendenti le conoscenze su come la salute mentale può influire sulle prestazioni lavorative e sull’assenteismo. Mettere a disposizione dei dipendenti risorse per la salute mentale con uno sconto o gratuitamente come parte del loro pacchetto di lavoro.

Uno studio randomizzato controllato riportato su The Lancet ha scoperto che investire nella formazione sulla salute mentale per il management ha generato un ROI di 10:1. I manager che hanno ricevuto la formazione hanno visto una significativa riduzione delle assenze non pianificate tra i loro lavoratori rispetto al gruppo di controllo.

6. Scoraggia una banca PTO traboccante

Succede spesso nei quadri intermedi. Ma potresti anche vederlo nei dipendenti che si considerano futuri supervisori e manager.

Raramente possono prendersi un giorno libero anche se il loro banco di presa di forza è traboccante e stanno perdendo tempo libero. Lo vedono come una virtù e vogliono che la direzione noti la loro dedizione.

Ma sai quanto sia importante mantenere un equilibrio tra lavoro e vita privata. Questi individui pensano di lavorare per una promozione. Ma quello che stanno facendo è logorarsi.

7. Stabilisci aspettative chiare per i dipendenti

Se non stabilisci confini chiari, metà dei tuoi dipendenti abuserà della tua flessibilità e l’altra metà sarà eccessivamente dura con se stessa perché non sanno dove tiri il limite.

Crea una politica relativa alle procedure di chiamata, al numero di giorni persi e se hanno bisogno di una nota medica in modo che i dipendenti sappiano sempre dove si trovano.

8. Stabilire rigorosi confini casa-lavoro

Questo è ancora più difficile ora che così tante persone lavorano da casa. Ma dobbiamo evitare una linea sfocata tra tempo di lavoro e tempo personale per evitare il burnout. Se un dipendente sente di poter essere interrotto in qualsiasi momento durante i suoi giorni di riposo, non riesce mai a rilassarsi.

E ciò che accade così spesso è che il dipendente inizia a sentirsi autorizzato a un altro giorno libero perché il suo è stato interrotto, quindi potrebbe prendersi un giorno di “malattia” per averne uno.

Il paese della Francia considerava il tempo libero così sacro, ha stabilito una legge in base alla quale i datori di lavoro devono sviluppare una politica chiara per evitare di interrompere i dipendenti durante il loro tempo libero.

Piccoli cambiamenti possono avere un grande impatto sui giorni di malattia non pianificati. Nessuna soluzione funzionerà per ogni datore di lavoro o dipendente poiché i ruoli lavorativi variano, ma riconoscere il fatto che esistono soluzioni creative ed efficaci a questo secolare problema di gestione potrebbe farti ripensare a come affrontare l’assenteismo.

Articoli correlati

- Advertisement -

Latest Articles