sabato 22 Gennaio 2022

Ieri sera ero a un concerto fantastico. La band è arrivata su chiatta

C’è un’alta lampada in piedi sulla banchina di pietra in una chiusa nella contea rurale di Carlow in una serata calda e limpida. Accanto è ormeggiata una chiatta color crema e verde, con un mixer a prua e alcuni cavi che si trascinano sulla sponda fino alla lampada.

Il duo folk di Carlow Ye Vagabonds ha navigato lungo il fiume Barrow all’inizio della giornata per il loro tour All Boats Rise, un viaggio di un mese sulle vie navigabili interne del paese con concerti all’aperto gratuiti per un piccolo pubblico lungo il Royal Canal, il Grand Canal e il fiume Barrow.

Clashganny Lock, a circa 7 km da Graiguenamanagh sul confine Carlow-Kilkenny, è l’appuntamento di mercoledì. Dopo aver girato diverse isole al largo della costa nel 2018, il membro dell’equipaggio della band Myles O’Reilly ha piantato l’idea della barca nelle menti dei fratelli Brían e Diarmuid Mac Gloinn.

Adoriamo la pratica e il fare tutto da soli, e portare una barca intorno alle Midlands ed esplorare luoghi di cui non abbiamo mai sentito parlare nemmeno nella nostra contea è stata una prospettiva davvero eccitante

“[Myles] ha detto, visto che veniamo dalle Midlands, non sarebbe bello fare qualcosa come il tour delle isole ma sui corsi d’acqua interni? dice Diarmuid.

L’idea è ricomparsa dopo che la pandemia ha interrotto improvvisamente gli eventi dal vivo lo scorso anno e “è stata una serie di sì che sembravano rispondere all’idea giusta al momento giusto”.

Il viaggio è stato finanziato principalmente dall’Arts Council, mentre il resto è costituito da Waterways Ireland e Carlow County Council.

Riscaldamento prima del concerto. Fotografia: Dara Mac Donaill Ye Vagabonds: Brían e Diarmuid Mac Gloinn. Fotografia: Dara Mac Dónaill Fotografia: Dara Mac Dónaill

“Aveva senso farlo nell’ambiente Covid”, afferma Brian.

“Due o tre anni fa potrebbe non avere avuto molto senso per le persone che lo hanno finanziato alla fine”, aggiunge Diarmuid. “Amiamo la pratica e il fare tutto da soli, e portare una barca nelle Midlands ed esplorare luoghi di cui non abbiamo mai sentito parlare nemmeno nella nostra contea è stata una prospettiva davvero eccitante.”

“Si è rivelata una rivelazione”, afferma Brian. “Abbiamo apprezzato la sfida e la libertà di essa.”

La banda sono totalmente autosufficienti, utilizzano batterie e energia solare per gli amplificatori e il sistema PA, il loro “festival vagante” non lascia traccia dei loro eventi dopo la loro partenza.

Il mercoledì le persone iniziano ad arrivare prima dell’inizio del concerto intorno alle 19:30. La lampada sulla banchina è presto affiancata da più strumenti, tra cui diversi realizzati dal liutaio dublinese Frank Tate, con una configurazione minima di microfono e altoparlanti.

Famiglie, campeggiatori, camminatori, gruppi di amici e qualche cane seduto su muretti, coperte e sedie da campeggio compongono la folla di circa 80 persone. Ogni gruppo, consapevolmente o meno, lascia molto spazio tra sé e il successivo nel luogo improvvisato all’aperto.

Lo spettacolo folk e trad, incluso materiale nuovo, ancora da registrare dalla band, sembra del tutto appropriato per l’ambiente idilliaco. Mentre il sole scivola sotto la linea degli alberi del campo dietro il fiume, il mormorio dell’acqua e il canto degli uccelli diventano una base naturale per una scaletta che comprende canzoni di Arranmore, in Scozia e persino dei vecchi barcaioli di Carlow.

“È sostenibile e più vicino a casa”, afferma Brian. “Quello che stiamo facendo ora, sembra un po’ più naturale per quello che ci piace fare… suonare in spazi esterni… Sembra giusto.”

“[The tour] si è evoluto in modo naturale per riempire lo spazio che gli abbiamo creato… Non siamo ricaduti su vecchie abitudini”, afferma Diarmuid.

È stata una bella serata. Stare seduti in riva al fiume, vicino al tumulo a Clashganny, è davvero bello potersi riunire in gruppo e godersi qualcosa

I fratelli sono raggiunti da due ospiti, Laura Quirke di Lemoncello e Joshua Burnside, con gli artisti che condividono il tempo della performance insieme.

Il pubblico è piccolo ma entusiasta, appeso alle parole di ogni canzone e storia. Nonostante la distanza tra i gruppi e l’ambiente aperto, il bagliore tenue delle luci della barca e della lampada conferiscono alla serratura un’atmosfera intima.

“E’ stata una bella serata”, dice Colm O’Byrne, che è tra il pubblico. “Essere seduti vicino al fiume, vicino al tumulo a Clashganny… È davvero bello poter riunirsi in gruppo e godersi qualcosa”.

“Se più artisti facessero qualcosa del genere, sarebbe una bella cosa poter frequentare regolarmente”, dice Carmel Keegan, che è seduta accanto a lui. “È qualcosa di diverso.”

“È bellissimo”, dice Fiach Walker, che è qui con un gruppo per festeggiare il compleanno di un amico. “Vengo qui da anni e avere la musica qui è incredibile.”

I fratelli concludono una notte brillante in modo appropriato – con una canzone di accappella su un operaio itinerante di Carlow, la luce della lampada che tremola sulla banchina ora buia prima che la chiamino notte, lasciando una folla soddisfatta a tornare a casa.

voi vagabondi sito web ha i dettagli delle date e dei luoghi rimanenti per il tour All Boats Rise

Articoli correlati

- Advertisement -

Latest Articles